I Dieci Elementi del Kata

dojokun_bigVoglio condividere con i letto di La Via del Chi questi 10 punti su cui riflettere nell’esecuzione dei kata. Me l’ero preso come appunto da un social perchè mi sembravano davvero fondamentali tutti.

1) Yio no Kisin: lo Stato Mentale
Stato di concentrazione in cui il Karateka deve immergersi dal momento in cui inizia il Kata. E’ l’inizio della fase in cui si inizia ad immaginare il combattimento multiplo e la concentrazione si fa massimanel cercare di simulare il combattimento.

2) Inyo: l’Attivo e il Passivo
Il ricordo permanente, durante l’esecuzione del KATA, dell’attacco e della difesa.

3) Chikara no Kiojaku: la Forza
Ogni momento e ogni posizione del KATA richiede esattamente una specifica forza e uno specifico grado di potenza da impiegare.

4) Waza no Kankyu: la Velocità
Ogni tecnica e ogni posizione del KATA richiedono una specifica velocità.

5) Tai no Shin Shoku: la Concentrazione
Ogni posizione e ogni tecnica del KATA richiedono un grado di contrazione ed di stabilità del corpo.

6) Kokyu: la Respirazione
La respirazione deve essere controllata e deve essere sempre in perfetta sintonia con ogni movimento del KATA. La respirazione corretta è fondamentale nel Karate.

7) Tyakugan: il Significato
Eseguire ogni tecnica come se si stesse effettivamente combattendo, rendendo realistico il Kata. Ciò è possibile soltanto ricordando il Significato di ogni movimento e visualizzarlo mentalmente. Parte di questo significato è sicuramente il Kiai.
Kiai: Unione del Corpo e della Mente. Attraverso il Kiai il Karateka esprime il suo spirito combattivo; il Kiai è parte del KATA e va eseguito nei punti prestabiliti.

9) Keitai no Hoji: la Posizione
In ogni azione del Kata si deve tenere la corretta posizione. Eseguire delle posizioni sempre uguali e corrette ci permette di tornare esattamente alla linea di partenza (en-busen). Oltre ad un significato formale ci aiuta a ricordare di assumere sempre una posizione corretta.

10) Zanshin: la Guardia
Stato mentale di allerta che si deve tenere a KATA terminato.

Voi cosa ne pensate? ci sono punti in più? ma sopratutto qual’è il punto più critico?

Annunci

3 risposte a “I Dieci Elementi del Kata

  1. Ciao Marco, bentornato con un articolo davvero interessante! Un groppo in gola mi è venuto nel leggere l’argomento, ripensando a quando studiava questi aspetti per i miei ragazzi di karate… quasi dieci anni sono passati ma è come se fosse ieri! Personalmente ritengo tutti e dieci importanti, anche se spesso ho posto l’accento sul 10° – lo zanshin comune a tutte le discipline del budo – che si collega al 1° (yoi no kisin) altrettanto indispensibile per un buon “stasus mentale e spirtiutale” del buon esecutore di kata, non di karate, ma di karate-do.
    E proprio questi due aspetti ritengo siano i più difficile da trasmettere, poiché in teoria sono facili ma nella pratica… richiedono una vita intera!

    buon rientro, a presto

  2. Grazie Stefano. Adesso che non mi alleno più nel karate sotto la guida diretta di un maestro, questi elementi cardine della pratica del kata diventano ancora più importanti. Oltretutto mi fa piacere tu li abbia avuti presente quando insegnavi. Dico questo perchè i maestri che ho avuto non ne hanno mai sottolineato l’importanza, mentre io conoscendoli grazie alle mie letture, sono riuscito a tenerli ben presenti nella pratica. Comunque in futuro non mancherò di postare considerazioni su questi punti nel presentare i kata su cui mi alleno.

  3. Pingback: Buon Inizio di Stagione….!!!!! | KiuShinRiu Karate Shotokan·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...