WENgong e WUgong

Potenza delle combinazioni. Sto leggendo a spizzichi e bocconi il bellissimo libro di P. Cellarosi “Taijiquan, appunti di un praticante Laowai”. Ho letto ieri in pausa pranzo un interessante capitolo sulla differenza tra forma e applicazione. Ebbene, proprio ieri sera il Maestro concentra tutta la lezione sulla differenza dei due aspettinella pratica. Faccio dunque un sunto delle mie impressioni e di quello che ho capito.

L’allenamento nel Tai Chi Ch’uan si può suddividere in due livelli.

taiji

Il primo è il cosìdetto Wengong, lo Yin. Il Wengong è il Tai Chi Ch’uan come lo conosciamo tutti: una serie di movimenti lenti e morbidi che mimano un combattimento. “Wen” è il principio costitutivo. Allenarsi a questo livello vuol dire approfondire la trasmissione della forza lungo il corpo, ricercare il Chi, elevarsi moralmente e spiritualmente attraverso questa mmeditazione in movimento.

Il secondo livello è il Wugong, lo Yang: l’allenamento dinamico, applicato. Nell’applicazione marziale non si deve solo cercar di difendersi scimmiottando il movimento del Maestro, ma appunto è necessario cercare di mettere a frutto lo studio del Wengong. E’ una sorta di verifica se quello che ho cercato di capire nel Wen funziona anche nel Wu.

Nel Wengong l’attenzione è riposta tutta all’interno. Come se mi osservassi a occhi chiusi e usassi un “sesto senso” per percepirmi. Devo controllare il peso del corpo come si distribuisce sulle piante dei piedi e come varia eseguendo determinati movimenti. Devo capire come trasmettere la spinta di una gamba alla mano che colpisce. Devo arrivare a padroneggiare ogni singolo punto del mio corpo e ad armonizzarlo con tutto il resto. Il movimento è lento perchè deve permettermi di percepire e comandare tutto il movimento. Ricordo che in un libro il M. Tokitsu scrive che ha iniziato ad approfondire l’Arte Marziale cercando di scomporre il semplice movimento della camminata.

Nel Wugong mi devo difendere da uno o più attacchi. Il movimento è repentino, veloce: o me o lui. Non posso esser preso perchè ho una sola possibilità di non prendere il colpo e di rispondere. Nell’esercizio del Wugong trovo le conferme e le smentite alle risposte che mi sono dato nell’esecuzione della forma. Il Wugong è metodo scientifico a tutti gli effetti: è la controprova di quello che sto facendo, ma ne è anche la sintesi e la motivazione. Dopo ore a provare un postura la prova dei fatti è riuscire ad applicarla.

Capire i principi senza attuarli nella marzialità vuol dire ricercare solamente una tranquillità interiore. Ma a quel punto praticare Tai Chi Ch’uan, Yoga, Chi Gong o Pilates è la stessa cosa. Anzi, forse dedicarsi esclusivamente a quelle discipline può dare più frutti. Di contro, applicare a livello dinamico, senza esercitare i principi che sono alla base e che devo studiare, equivale ad agire senza scopo, a non darsi un canone, un fine. Ma vuol dire anche non durare a lungo. Se non si apprendono i principi secondo i queli un movimento dev’essere fatto, è difficile che il movimento sia giusto, pertanto è facile anche procurarsi infortuni o patologie.

Dunque Wengong e wugong sono uno il complemento dell’altro, nel senso che si completano a vicenda. Sono la potenza e l’atto del gesto. Sono il demiurgo tra l’idea e l’azione.

Annunci

Una risposta a “WENgong e WUgong

  1. Bell’articolo, davvero. Ho trovato molte analogie con il lavoro che sto proponendo ai miei allievi di Aikido Tendoryu. La lentezza dello studio completa la dinamicità delle applicazioni libere, chiamate randori o jiyu-waza. Quando lo yin si bilancia con lo yang si ha la massima espressione marziale, non importa quanto tempo e fatica ci vorrà, sarà la pazienza mentale e la costanza di applicazione fisica a dirci se abbiamo fatto bene a seguire questo metodo, quest’arte, questa via, qualunque essa sia… grazie ancora a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...